Etiquetas

, ,

Napoli  – dal 13/12/2013 al 22/02/2014

UMBERTO DI MARINO ARTE CONTEMPORANEA

​ Via Alabardieri 1: lunedì – sabato ore 15:00 / 20:00 – mattina su appuntamento
+39 0810609318

Jota Castro

La Galleria Umberto Di Marino è lieta di presentare, venerdì 13 dicembre 2013, la nuova personale di Jota Castro dal titolo Gemütlichkeit.
L’Europa ed il fallimento delle sue premesse ideologiche è al centro della ricerca dell’artista, che include da anni l’esperienza come diplomatico in un percorso ricco di punti di vista, che passa anche attraverso la pratica curatoriale.
La terza personale concepita per la galleria giunge alla fine di un percorso di acuta ed insistente analisi sull’area in questione e ancor più su ciò che ne delimita i confini. Se nella prima mostra, lo spirito ironico e visionario dell’artista aveva denunciato, insieme al sicuro declino per la spinta propulsiva delle economie emergenti, la nostalgica e polverosa narrazione dell’Europa come miraggio per le popolazioni al di là del Mediterraneo, nell’intervento del 2011 un glaciale memento mori avvertiva, attraverso l’ineluttabilità del marmo, sulla logica suicida di un Vecchio Continente incapace di ammettere i propri limiti.
Dopo due cruciali anni di collasso sociale, inconcludenza politica e smantellamento del sistema culturale, l’Europa si è trasformata da scintillante sogno democratico a grigio incubo fiscale, completamente depredata dei valori etici e civili sui quali era stata fondata solo mezzo secolo prima.
Se già in altre occasioni, Jota Castro ha sottolineato l’immobilismo generalizzato ed il conseguente cronicizzarsi dei problemi dovuti a migrazioni, cambiamenti degli scenari geopolitici ed implosione del modello economico neoliberista, Gemütlichkeit punta il dito contro la totale deresponsabilizzazione da parte della società europea a favore di una falsa comfort zone, in cui rifiutare il cambiamento con l’immotivata, quanto ostinata, celebrazione di un benessere inesistente.
Le silenti sfilate di cadaveri dei clandestini che riemergono dal mare richiamano all’attenzione dell’Europa ciò che ormai è inevitabile ovvero il confronto reale con chi vive al di là della fluttuante linea di demarcazione incessantemente rinegoziata dalle trattative diplomatiche. L’isola di Lampedusa diventa il fantasma di questo Natale posticcio, in cui il luccichio consumistico della tradizione lacera la coscienza di chi ne ignora la tragedia, decretando il definitivo declino di una civiltà che possa definirsi tale.
L’iconica bandiera dell’UE strappata e rozzamente rammendata viene qui evocata dal tappeto di spille da balia. Jugaad è un’espressione hindi-urdu che indica un modo improvvisato di riparare ad un’emergenza provocata da carenza di risorse e diventa la dolorosa rappresentazione del terreno insidioso su cui dovrà proseguire la storia di questo continente.
Il sogno incantevole ed effimero di una nuova generazione concepita per un progresso pacifico e rispettoso delle diversità si è infranto sotto il carico delle responsabilità nei confronti dei problemi locali. Come a dire che la costruzione dell’identità non passa solo dalla promozione di una tranquillizzante facciata istituzionale, bensì dall’elaborazione costruttiva delle proprie ferite.

Jota_Castro_portraitJota Castro (Lima – Perù, 1965) vive e lavora a Bruxelles (Belgio).
Tra le principali mostre personali e collettive:
2013 Emergency Pavilion: Rebuilding Utopia, 55th Esposizione d’Arte Internazionale – la Biennale di Venezia, Italia
Tell me whom you haunt: Marcel Duchamp and the contemporary readymade, a cura di Mario Codognato, Blain Soutern, Londra, GB
2012 Austerity Über Alles, Galerie Barbara Thumm, Berlino, Germania
2011 Dublin Contemporary – Terrible Beauty—Art, Crisis, Change & The Office of Non-Compliance, Dublino, Irlanda
2010 Trasparenze, a cura di Laura Cherubini, MACRO, Roma, MADRE, Napoli, Italia
17th Biennale of Sidney, Australia
Low cost tour, Gonzalez y Gonzalez Gallery, Santiago, Cile
2009 The Fear Society, Pabellón de la Urgencia, Murcia. 53rd Esposizione Int.le d’Arte, Biennale di Venezia, Italia
Low Cost, Galeria Oliva Arauna, Madrid, Spagna
2008 U-Turn, Quadriennale d’Arte Contemporanea di Copenhagen, Nicolaj CCAC, Copenhagen, Danimarca
2007 We are your future, II Biennale di Arte Contemporanea di Mosca, Mosca, Russia
2005 3rd Tirana Biennale, Albania
Introduction to Jota Castro, Uplands Gallery, Melbourne, Australia
Exposition Universelle 1, Palais de Tokyo, Parigi, Francia
2004 4th Kwangju Biennale, Korea PREMIO BIENNALE
2003 Motherfuckers never die, Galleria Minini, Brescia, Italia
Z.O.U, 50 ª Biennale di Venezia, Survival Guide for Demonstrators, Italia